salento Salento

Affitta la tua casa vacanze nel Salento, Santa Maria di Leuca, Gallipoli, Lido Marini, Marina di Pescoluse, marina di Torre Vado, San Gregorio, Patù etc. Natura incontaminata e mare cristallino che fa concorrenza alle più rinomate mete esotiche. Il Salento, meravigliosa piana ricca di storia e tradizioni, è un vero e proprio paradiso terrestre. Penisola situata tra l'Adriatico e lo Ionio, è il tacco dello stivale italiano ed è costellato di luoghi spettacolari: verdi pinete, splendide grotte marine, coste in cui si alternano lunghe spiagge sabbiose e scogliere mozzafiato. Immerso in un'affascinante atmosfera, il turista potrà decidere di visitare questa terra in bicicletta e di perdersi nei viottoli di campagna tra gli ulivi secolari e i campi di grano incorniciati da mille sfumature di colore. In ogni caso avrà l'opportunità di ammirare sfarzosi palazzi e storiche chiese, ma potrà anche godersi il mare e deliziare il palato gustando gli ottimi piatti a base di pesce (rigorosamente fresco e di prima qualità) e i saporitissimi formaggi pugliesi, leccornie che ben si accompagnano ai tipici rosati della zona, vini robusti dall'aroma fruttato. Da Lecce a Santa Maria di Leuca, da Otranto a Castro, ecco un viaggio alla scoperta di terre semplici ma allo stesso tempo molto varie, cariche di contrasti, segnate dal passaggio di molte culture che le hanno rese una miscela esplosiva di bellezze inimitabili.


COSA TENERE PRESENTE DURANTE L’ACQUISTO DI UNA BICICLETTA - TAGLIA, DIMENSIONI e COMFORT

L’aspetto fondamentale durante l’acquisto: è la bici che si adatta al ciclista, non viceversa. Un primo criterio che va bene nella maggioranza dei casi è quello della scelta del modello di bici in base all’altezza. Un rivenditore competente potrà già fornire consigli adeguati alla scelta della taglia giusta solo con questo parametro. Se poi si vuole andare più nel dettaglio si deve tenere conto di alcune specifiche quali la misura del telaio, l’altezza della sella e la distanza tra la sella e il manubrio. Per scegliere la taglia della bici più adatta alle proprie caratteristiche fisiche occorre innanzitutto conoscere la misura del proprio cavallo, inteso quale distanza tra l’inguine e il suolo. Per calcolarla basta munirsi di una matita e , scalzi, con i piedi posti a circa una spanna di distanza l’uno dall’altro e la schiena appoggiata al muro, va misurata l’altezza da terra dell’inguine con un metro.

 

MISURA DEL TELAIO

Per ottenere la misura del telaio è sufficiente moltiplicare questo dato per un numero fisso: per la bici da corsa è 0,65; per la mountain bike è 0,58; per la bici da turismo è 0,66. Si avrà così l’altezza del telaio (relativa, in particolare al tubo piantone). Per semplificare ancor più le cose si può fare riferimento a questa tabella :

 

ALTEZZA DELLA SELLA

Per calcolarla va moltiplicata la misura del cavallo per 0,88 (o, volendo essere piu’ precisi 0,885): si ottiene così l’altezza specifica, intesa dall’asse della pedaliera fino all’incavo della sella. Per un ciclista alle prime armi potrebbe rivelarsi troppo elevata in quanto si toccherà terra solo in punta di piedi: per regolarsi basterà abbassare di poco la sella.

ALTRE MISURE E CONSIDERAZIONI

Nei fattori utili a rendere ottimale la “calzata” della propria bicicletta vi sono poi altri parametri che entrano in gioco: segnaliamo, per esempio, il calcolo della distanza tra sella e manubrio, il corretto arretramento della sella, l’utilizzo o meno di attacchi e scarpette, non ultimi il tipo di bici e l’uso più o meno intensivo che se ne voglia fare.

BICI PER BAMBINI

La scelta della taglia giusta della bici per i bambini si basa sulle dimensioni della ruota ( il diametro misurato in pollici) e non sulla misura del telaio. Questa tabella vi può già dare sufficienti indicazioni sulla scelta da effettuare :

QUANTO DEVE ESSERE LUNGO IL TELAIO

Il metodo più immediato suggerito da molti é di verificare che la distanza fra la punta del sellino ed il manubrio corrisponda alla distanza fra il gomito e la punta delle dita. Tale misura corrisponde quasi sempre alla distanza tra la punta della sella e l'attacco della pipa ed è quindi poco indicativa. Il metodo più corretto é quello di verificare che, impugnando la parte inferiore del manubrio (nella posizione cioè più aerodinamica), con uno dei pedali parallelo al tubo obliquo, il gomito sfiori il ginocchio più vicino al manubrio, oppure che, sempre impugnando la parte inferiore del manubrio e fissando la parte orizzontale del manubrio, lo sguardo non riesca a vedere il mozzo della ruota anteriore, nascosto dallo stesso manubrio.

COME REGOLARE L’ALTEZZA DELLA SELLA

Sedetevi sulla sella della vostra bici, portate uno dei due pedali nel punto più basso della corsa con la pedivella quindi perpendicolare al suolo ed appoggiate infine il tallone sul pedale. La gamba deve essere quasi completamente tesa, l'angolo che si forma al ginocchio deve avere un'angolatura di quasi 180 gradi.

COME REGOLARE L’ALTEZZA DEL MANUBRIO RISPETTO ALLA SELLA

La differenza di altezza della sella rispetto al manubrio non dovrebbe essere inferiore ai 4 cm, con il manubrio più basso quindi rispetto al sellino di almeno 4 cm. É questo comunque un fattore molto personale: più basso sarà il manubrio più la posizione permetterà una migliore penetrazione nell'aria; minore sarà la differenza tra la sella e il manubrio e più la posizione sarà riposante da passeggiate domenicale. Per i principianti che devono anche abituarsi alla posizione in sella si usa posizionare sella e manubrio alla stessa altezza. Non dimentichiamo, infine che una sella troppo bassa può provocare danni ai legamenti del ginocchio.

COME VA INCLINATO IL SELLINO

La disposizione solita ed ideale é quella con il sellino parallelo al terreno. Tenete conto che più é inclinato con la parte anteriore in alto più la posizione viene considerata di riposo, mentre con l'inclinazione inversa, cioè con la parte anteriore più bassa che quella posteriore é una posizione che favorisce la posizione aerodinamica del ciclista se sta con le mani nella parte inferiore del manubrio.

LA SELLA VA ARRETRATA O AVANZATA

Ci si regola di norma in questo modo: tracciate due linee perpendicolari al terreno: una linea ideale dalla parte più avanzata della sella e una dall'assale della pedaliera. Tra le due linee deve esserci una distanza di almeno 4 cm.

 

 

QUANTO DEVE ESSERE LUNGA LA PEDIVELLA

Uno dei principali parametri che influiscono sensibilmente sul rendimento biomeccanico della pedalata è la lunghezza della pedivella in funzione delle caratteristiche antropomorfe dell’atleta. In particolare secondo molti studiosi c'è una relazione diretta tra l'altezza dell'atleta al cavallo e la lunghezza delle pedivelle.